Le parisien veggie burger

LE PARISIEN – BURGER DI LENTICCHIE, ERBE DI PROVENZA, FORMAGGIO GRUYÈRE e MARMELLATA DI ALBICOCCHE (nel mio caso mele)

Voilà, ecco Le Parisien, un vero cheeseburger (vggie burger) francese! Il classico cibo francese è sinonimo di vino ed erbe aromatiche e le erbe di Provenza io le metterei ovunque… in queste polpette vegane, sono semplicemente perfette.

Guarnire con fette di formaggio conferisce a questo veggie burger quel tocco salato in più. Naturalmente per i vegani puristi, si può optare per un altro tipo di formaggio, oppure ometterlo.

Un altro piccolo e delizioso capolavoro di Nina Olssen tratto dal suo libro Veggie burger atelier.

Ingredienti per 4 persone

Per le polpette

  • Olio d’oliva o burro chiarificato, per cuocere
  • 130 g di scalogno, affettato sottilmente a rondelle
  • 1 cucchiaio (3 g) di erbe di Provenza
  • 400 g di lenticchie Le Puy cotte o altre lenticchie verdi sode
  • 50 g di riso integrale cotto
  • 2 spicchi d’aglio, schiacciati
  • 2 cucchiai (5 g) di foglie di timo fresco tritate finemente
  • 1 cucchiaio (15 ml) di aceto di vino rosso
  • 3/4 di cucchiaino di sale, più altro a piacere
  • 1/4 cucchiaino di pepe nero appena macinato, più altro a piacere
  • 1 cucchiaio (11 g) di senape
  • 1 cucchiaino di miele o zucchero di canna confezionato
  • 40 g di briciole di pane tostato o 40 g di pangrattato panko
  • 4 fette di groviera
  • 4 panini, tagliati a metà e leggermente tostati

Per il condimento

  • Cipolle Caramellate
  • Confettura di albicocche o altra marmellata dolce a piacere (Io ho usato una mia composta di mele)
  • Maionese o maionese vegana
  • Patatine e/o radici croccanti (opzionale)

Preriscaldate il forno a 220°C .

Per preparare le polpette: mettete una padella a fuoco medio-alto e aggiungete un filo di olio d’oliva o 1 cucchiaio (14 g) di burro chiarificato. Aggiungete lo scalogno e le erbe di Provenza. Friggete per circa 5 minuti fino a quando gli scalogni saranno morbidi e traslucidi. Trasferite in una ciotola capiente e aggiungete gli altri ingredienti delle polpette (eccetto il pangrattato). Usate le mani per unire il composto fino a ottenere una consistenza appiccicosa.

Unite poi il pangrattato, fino ad ottenere un impasto che se schiacciato, sta insieme.

Assaggiate e aggiustate di sale e pepe, se necessario e refrigerate il composto per 15 minuti, o fino a 24 ore coperto.

Dividete il composto in 4 parti uguali, oppure a secondo delle dimensioni dei vostri panini, e modellate ciascuna a forma di ‘tortino’.  Nel caso di questi burger vegetariani, io consiglio di usate i coppapasta, in quanto vengono forme più regolari e molto più simili agli hamburger.

Disponete le polpette su una teglia e cuocete per 15-18 minuti. Girateli con cura a metà cottura.

Tre o quattro minuti prima che siano cotti, guarnite ogni tortino con una fetta di groviera.

Assemblate, quindi, le polpette tra i panini e guarnite con i condimenti aggiuntivi.

CIPOLLE CARAMELLATE

Ingredienti per circa 150 g

Quando le cipolle vengono cotte lentamente nel grasso, accade la magia. Il calore “lento” rilascia la dolcezza naturale e crea una prelibata caramellizzazione nelle cipolle. L’ideale è mescolare continuamente per evitare che le cipolle diventino croccanti in alcuni punti, devono cuocere uniformemente nel loro sugo. Si può scegliere il burro chiarificato o l’olio d’oliva per un miglior gusto, ma vanno bene anche l’olio di cocco o di colza. Il burro da quel certo non so che in più, che ti farebbe mangiare le cipolle a cucchiaiate anche a merenda….vi avviso 😉

Mentre le cipolle producono la loro stessa dolcezza, potete intensificare il risultato aggiungendo un po’ di zucchero, sidro o vino. Per un sapore più nordico, si può utilizzare l’aceto di mele. Per una succosità extra acida si potrebbe usare la birra. Invece, per dare un tocco francese alle cipolle, usate il vino rosso o bianco.

  • 50 g di burro chiarificato, olio di cocco o olio vegetale
  • 200 g di cipolle affettate sottilmente
  • da 9 a 18 g di zucchero di cocco o da 15 a 30 g di zucchero di canna (facoltativo)
  • 100 ml di aceto di mele (oppure usa aceto di vino rosso o bianco, aceto balsamico, vino rosso, sidro o birra).
  • 1 cucchiaino di timo essiccato (facoltativo) – io ho usato timo di alta quota, quindi si utilizzano più i fiorellini che le foglie

Scaldate una padella grande a fuoco medio-alto e aggiungete 3 cucchiai (42 g) di burro chiarificato (aggiungete il burro chiarificato rimanente durante la cottura per evitare che bruci). Unite le cipolle e lo zucchero (se utilizzato) e cuocete per 6-7 minuti, mescolando. Aggiungete l’aceto e il timo (se utilizzato), mescolando, e lasciate cuocere le cipolle fino a quando i liquidi non saranno completamente assorbiti. Allontanate dal calore e lasciate raffreddare.

RADICI CROCCANTI
  • Circa 500 g di ortaggi a radice misti come patate, patate dolci Stokes Purple, barbabietole, sbucciate e affettate sottili (2–3 mm)
  • 1 cucchiaio (15 ml) di olio d’oliva
  • Sale e pepe macinato fresco, a piacere

Preriscaldate il forno a 180°C .

Mettere le fette di verdura in una ciotola. Irrorate o spruzzate con olio d’oliva e cospargete di sale e pepe. Mescolate bene con le mani.

Rivestite due teglie con carta da forno e adagiarvi sopra le fette di verdura senza sovrapporle. Arrostite per 20 minuti o fino a che non cominciano a colorire; controllate la cottura, soprattutto dopo i primi 20 minuti, per evitare che le verdure si bucino o secchino troppo. Capovolgete le patatine e arrostire per altri 10-15 minuti.

Cospargete le radici con spezie ed erbe aromatiche per un sapore extra. Provate il lievito alimentare o il pimentón (paprika affumicata) per un sapore più forte, oppure usate le erbe aromatiche come il timo o il rosmarino.

Le verdure fatte così le adoro e le faccio spesso….anche senza veggie burge in accompagnamento 😉

Come al solito, i panini li ho fatti io… avendo sfornato, quel giorno, 6 tipi diversi di pane, questi mi sono passati di lievitazione e si sono un po’ “schiacciati… ma sono leggeri e buonissimi… la prosima volta verranno anche belli…

…quelli piccoli sono venuti un po’ meglio 😉

Non ci sono ancora commenti.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.