Samsun pide – pide con quattro formaggi da Anatolia

Samsun è una città sul Mar Nero famosa per la sua pide (una sorta di focaccia che non è da confondere con la pita o la pizza). Le caratteristiche che definiscono un Samsun pide sono principalmente che l’impasto si stende a mano, non con il mattarello; è tirato a forma di barca che può contenere un ripieno; viene cotto, generalmente, nel forno a legna. In questo caso, “i passeggeri della barca” sono formaggi, pomodori e un uovo al tegamino, ma non fatevi prendere dal panico se la ricetta cita quattro formaggi diversi: ne bastano tre o anche due, purché contrastino per consistenza e sapore.

Questo pane ha dato il via alla mia passione per i pani tratti dal libro Anatolia di Somer Sivrioglu e David Dale.

Di questo pide scrivo un post a parte perché sarà protagonista della settimana dedicata ad Anatolia da @Cook_my_Books, nel prossimo post vi descriverò anche tutti gli altri.

Ingredienti per 4 persone

IMPASTO
  • 1 cucchiaio di lievito liofilizzato
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 300 g di farina normale (per tutti gli usi), più extra per spolverare
  • 150 g di farina forte
  • 50 ml di latte
  • 150 ml di acqua
  • 1 cucchiaino di sale
RIPIENO AI QUATTRO FORMAGGI
  • 4 cucchiai ciascuno di quattro diversi formaggi, come feta, kaşar (o provolone o mozzarella o qualsiasi formaggio giallo semiduro), tulum (o ricotta stagionata o qualsiasi formaggio bianco friabile e piccante) e gorgonzola (o qualsiasi formaggio piccante ammuffito)
  • 1 uovo
  • 2 cucchiaini di origano tritato
GUARNIZIONE
  • 2 pomodori grandi
  • 2 peperoni verdi medi o 1 peperone verde grande
  • 4 uova
  • 2 cucchiai di olio vegetale
  • insalata di accompagnamento per servire

Sciogliete il lievito in 50 ml di acqua tiepida. Unite lo zucchero e mettete da parte per 5 minuti. Dovrebbe iniziare a formare delle bolle. Se usate il lievito già attivato questo passaggio non è necessario, e tutti gli ingredienti, lievito, acqua e zucchero, vanno direttamente uniti alla farina.

Setacciate le farine in una terrina, fate una fossetta al centro e versate il composto di lievito e il latte. Impastate per 10 minuti, o fino ad ottenere un impasto morbido ed elastico. Coprite la ciotola con un canovaccio umido e fate riposare per 30 minuti per far lievitare l’impasto.

Quando l’impasto, quindi, inizia a gonfiarsi, aggiungete il sale e impastate nuovamente per 3 minuti. Stendete l’impasto su un piano di lavoro infarinato e formate un cilindro. Poi tagliatelo in quattro pezzi uguali e fate riposare, coperto, per altri 10 minuti.

Nel frattempo, preriscaldate il forno a 200°C. Se avete una pietra refrattaria o una piastra per pizza, mettetela nel forno durante il riscaldamento. Fate lo stesso, se usate una teglia normale. Insomma, per ottenere un risultato ottimale, va scaldato molto bene il piano in cui verrà cotto il pide.

Sbriciolate i quattro formaggi insieme in una terrina e unitevi l’uovo leggermente sbattuto, insieme alle foglie di origano, private del gambo e tritate finemente, quindi mescolate fino ad ottenere un composto omogeneo.

Stendete ogni porzione di impasto sul piano di lavoro infarinato e, con le mani infarinate, stendetelo in un ovale di circa 30 x 20 cm di larghezza e 5 mm di spessore.

Mettete una spessa striscia di ripieno di formaggio al centro di ogni ovale, lasciando uno spazio di 5 cm attorno al bordo. Ripiegate i due bordi più lunghi in modo che tocchino il ripieno ma non lo coprano. Unite i bordi piegati in alto e in basso per creare una forma a barchetta. Premere ciascuna estremità in un punto e ruotare per chiudere saldamente.

Affettate finemente i pomodori. Tagliate a metà il peperone, privatelo del gambo e dei semi e affettatelo finemente. Mettete delle fette di pomodoro e alcune fette di peperone su ogni pide e rompete un uovo al centro.

Se utilizzate una teglia, toglietela dal forno e metteteci sopra un foglio di carta da forno.

Se state usando una pietra refrattaria o una piastra per pizza, cospargetela con un po’ di farina. Disponete i pides sulla carta da forno (o pietra o piastrella) e spennellate la superficie con olio. Cuocete per 15 minuti o fino a doratura.

Servite caldo con una ciotola di insalata.

A me l’uovo è scivolato… forse dovevo usare una fetta di peperone più spessa 🙂

 

 

Non ci sono ancora commenti.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.