La mia Tarte Flamiche per il Club del 27

Questo mese il Club del 27 ripropone alcune ricette di torte salate prese dal libro a loro dedicato edito da Mtchallenge. Io ho scelto la Tarte Flamiche di Annarita Rossi perché è una delle innumerevoli ricette messe da parte con l’etichetta “da fare” e quale migliore occasione di questa.

Piuttosto che farne una grande ho optato per farne due tarte più piccole usando due tegliette da 18 cm al bordo superiore.

Ecco gli ingredienti:

PER LA BASE

  • 250 g di farina (io ho usato 2/3 di farina bianca 0 e 1/3 di farina integrale)
  • 125 g di burro freddo
  • da 60 a 75 ml di acqua fredda
  • 1 pizzico di sale

PER IL RIPIENO

  • 500 di porri puliti
  • 60 g di crème fraîche
  • 5 uova
  • 60 g di burro
  • sale e pepe

Preparate la base setacciando la farina e il sale in una grande ciotola oppure direttamente sulla spianatoia e unite il burro a dadini. Incorporatelo alla farina con la punta delle dita fino ad ottenere un composto a briciole. Unite la metà dell’acqua tutta in una volta e cominciate ad impastare. Unite il resto dell’acqua poco alla volta fino a che l’impasto comincia a compattarsi. Lavoratelo, facendo forza con i polsi in modo che si compatti. Se dovesse essere troppo asciutto che si sbriciola, unite un cucchiaio di acqua alla volta e continuate a lavorare. Quando è pronto riponetelo in frigorifero avvolto in una pellicola e lasciatelo riposare almeno mezz’ora.

Stendete la pasta a circa 2/3 mm di spessore e foderate la teglia imburrata oppure le tegliette rivestite da carta da forno come ho fatto io. Fate aderire bene la sfoglia sul fondo e sui bordi, e bucherellate tutta la superficie con una forchetta.

Per il ripieno: pulite i porri togliendo le foglie più dure esterne e lavatelo molto bene facendo attenzione alla terra che può esserci fra le foglie più interne. Tagliatelo sottile e ponetelo in una padella insieme al burro e lasciatelo stufare a fuoco basso, coperto, fino a che diventa molto morbido. Se dovesse fare molta acqua durante la cottura, una volta pronto scolatelo. Quindi salate e pepate e lasciate intiepidire.

Distribuite i porri così preparati sulla base e distribuiteli uniformemente. Preparate l’appareil mescolando le uova con la crème fraîche, insaporite con sale e pepe a piacere e versarlo sui porri.

A dir la verità io ho mescolato l’appareil ai porri e poi ho diviso il composto sulle due basi preparate.

Infornate a 180° per circa 30 minuti o fino a quando la tarte non risulta gonfia e dorata. Lasciate intiepidire e servite.

E’ ottima in tante occasioni, per un pranzo o per un picnic fuori porta.

 

 

 

11 Comments
  • Biagio
    aprile 26, 2019

    Ciao Elena! anch’io modestamente ho fatto la flamiche, ma la tua é veramente bella (più bella!)

  • Cucino-io
    aprile 26, 2019

    è ora di pranzo, mi fai venire una fame!!

  • Milena Gardella
    aprile 26, 2019

    Brava Elena, è venuta molto bene! Ottima l’idea di fare due torte più piccole, molto eleganti.

  • Mariella Di Meglio
    aprile 26, 2019

    Eccezionale!

  • elena
    aprile 26, 2019

    Ottima, preparata diverse volte e poi i porri sono la mia passione! Bellissime le tue tortine!

  • sonia conte
    aprile 26, 2019

    Addirittura tutta la “spiega” fotogramma per fotogramma, bravissima!!!

  • Mai Esteve
    aprile 26, 2019

    Strabuona anche questa!!! E ha un aspetto altro che invitante, bravissima!

  • sabrina Fattorini
    aprile 27, 2019

    Ma quanto è buona questa torta salata!!! Io la adoro!!! Le tue sono anche molto belle!

  • Micaela Ferri
    aprile 29, 2019

    Meravigliosa, io questa torta salata la adoro!

  • Camilla Assandri
    aprile 29, 2019

    Questa torta è davvero buonissima. L’ho preparata anch’io per un’altra occasione e mi è piaciuta molto.

  • Gaia Profumodimamma
    maggio 1, 2019

    Elena,
    i porri sono tra le mie verdure preferite e in una torta salata come questa sono divini!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.