Mincemeat streusel – parte seconda

Dove eravamo rimasti? Ah si ecco, vi avevo lasciati alla preparazione del ripieno per la Mincemeat streusel. Ora vi propongo la ricetta completa perché il ripieno ha riposato, è profumatissimo ed è pronto per farcire una fantastica pasta.

Vi ricordo gli ingredienti per la “mincemeat”

  • 100 g Ribes
  • 100 g uvetta
  • 100 g Uva sultanina
  • 100 g Mirtilli rossi secchi
  • 100 g di albicocche secche , tritate
  • 50 g agrumi canditi
  • 1 grande mela da cottura , sbucciata, privata del torsolo e tritata grossolanamente
  • 75 g di burro , a cubetti
  • 25 g di mandorle intere bianche, tritate grossolanamente
  • 125 g di zucchero moscovado leggero
  • ¼ cucchiaino di cannella in polvere
  • ½ cucchiaino di spezie miste per dolci macinate (es. chiodi di garofano, anice stellato, ecc)
  • 1 limone, scorza finemente grattugiata e succo di mezzo limone
  • 100 ml di brandy , rum o sherry

E il suo procedimento:

Per la “mincemeat”, mettere il ribes, l’uvetta, l’uva sultanina, i mirtilli rossi, le albicocche, i canditi, la mela, il burro, le mandorle, lo zucchero, la cannella, le spezie miste, la scorza di limone e il succo in una padella grande e cuocere a fuoco lento, mescolando di tanto per circa 10 minuti.

Togliete dal fuoco, lasciate raffreddare, quindi aggiungete brandy, rum o sherry.

Ora invece veniamo alle cose ‘serie’ e molto piacevoli…

Per la pasta:

  • 175 g di farina bianca normale
  • 1 cucchiaio e mezzo di zucchero a velo, setacciato
  • 100 g di burro, a cubetti, più extra ungere la teglia

Per la finitura superiore ‘streusel’:

  • 75 g di burro
  • 75 g di farina bianca autolievitante (oppure aggiungere 3 g di lievito per dolci alla farina normale)
  • 40 g di semola
  • 40 g di zucchero semolato

Per servire:

  • panna fresca montata o burro al brandy

Lo so cosa state pensando: tutto quel burro???? …oh my God….

Tranquilli, ve lo dice una che il burro, di solito, lo schiva come il diavolo fa con l’acqua santa: ci vuole, tutto e, se usate dell’ottimo burro (ottimi sono quelli bavaresi), non si sente e la pasta è talmente buona che ne vorrete ancora 🙂

Ma veniamo al procedimento completo: preriscaldate il forno a 200 ° C e ungete una teglia da circa 23×33 cm o equivalente.

Per la pasta, setacciate la farina e lo zucchero a velo in una terrina, aggiungete il burro e lavorate con le mani fino a quando il composto non risulta a briciole.

Aggiungete poca acqua fredda alla volta, sufficiente per mescolare e ottenere un impasto sodo – se preferite o avete fretta, potete farlo in un robot da cucina. Avvolgete l’impasto nella pellicola e lasciatelo raffreddare per circa 30 minuti. Vi consiglio di mettere l’acqua in freezer per almeno mezz’ora, non deve congelare, ma deve essere veramente fredda.

Passato il tempo del riposo, su una superficie di lavoro leggermente infarinata, stendete la pasta della dimensione di un rettangolo leggermente più grande della teglia preparata, di altezza uniforme, quindi rivestite la base e i lati facendo aderire bene la pasta.

Livellate i bordi della pasta ed eventualmente, con i ritagli, andate a riempire le parti mancanti… sappiamo che non è facile stendere un rettangolo perfetto a mano!

Distribuite uniformemente la mincemeat sulla base della pasta.

Per fare la finitura superiore, lo streusel, sciogliete il burro e lasciatelo raffreddare leggermente.

Mettete gli ingredienti rimanenti in una ciotola e versateci sopra il burro fuso. Mescolate fino a quando gli ingredienti si uniscono per formare un impasto liscio e sodo, se occorre aggiungete qualche goccia di acqua molto fredda. Fate raffreddare per facilitare la lavorazione finale.

Usando una grattugia grossa, grattugiate questo ultimo impasto sulla mincemeat e distribuite uniformemente.

Cuocete in forno preriscaldato per circa 20-25 minuti o fino a doratura. Fate raffreddare e tagliate a fette, spolverate con zucchero a velo e servite caldo/tiepido con panna o burro al brandy.

Suggerimenti se vi dovesse avanzare o se decidete di farne una bella scorta

Per congelare: conservate le fette cotte in un contenitore di plastica – sigillate, etichettate e congelate per un massimo di tre mesi. Se sovrapponete le fette, usate l’accortezza di dividerle con dei foglietti di carta da forno.

Per scongelare: togliete dal congelatore le fette che vi occorrono e lasciate a temperatura ambiente per almeno 4 ore.

Per riscaldare: scaldate in forno preriscaldato a circa 150° C per circa 20 minuti – spolverate con zucchero a velo prima di servire.

Questa ricetta sembra lunga e laboriosa, mentre invece è semplicissima e di sicuro effetto: tutti amiamo le paste frolle con la frutta, e questa sa proprio di buono, oltre che dare una bella sensazione di festa anche ad una come me che sono un grinch fatto e finito…ahhaah… 😉

Per inteso, io mangerei tutto il guscio, soprattutto il sotto…sfogliato, croccante, poco dolce… da sballo. Userò questa ricetta anche per far dei mini strudel con poche mele o un velo di marmellata.

QUI, trovate tutte le ricette complete di questo mega favoloso speciale di Mtchallenge 😉 non perdetevelo!

Non ci sono ancora commenti.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.