Lesso leggero

Oggi, per il Calendario del cibo italiano creato da AIFB, è la giornata nazionale del Gran bollito e del Lesso la cui ambasciatrice,  Erica Zampieri del blog Sapori e Dissapori (il link lo trovare qui a fianco, siamo gemellati 😉 )saprà darvi consigli mirati per creare delle ricette eccezionali.

Calendario del cibo italiano

Io non sono un’appassionata, mi piace la carne stracotta, ma non so perché  ho il ricordo di quando lo faceva mia madre e mi rimaneva sempre indigesto…. ne mangiavo forse troppo? può  essere 🙂

Parlando con Erica, però ,  mi son detta: perchè  non provarci ? adesso che vivo in montagna, magari la cosa è  differente… eccomi quindi andare dal macellaio a prendere i tagli classici per un bollito relativamente leggero. Nella mia famiglia, il mio bisnonno era un gran cuoco e appassionato di carni lessate, ma io me lo ricordo solo vagamente.

Ricordo soprattutto che lo accompagnava sempre ai sottoaceti che faceva lui stesso, cetrioli e cipolline…una vera squisitezza.

Negli anni poi, mi è  capitato di leggere su alcuni libri di medicina legata all’alimentazione, che il collagene, una delle proteine più rappresentative del tessuto connettivo, contenuto nel lesso, è  assimilabile solo se lo si riduce in molecole più piccole e questo lo si ottiene aggiungendo un acido alle carni o ai brodi di carne… deduzione, sempre se questi libri dicevano il vero: ma quanto erano saggi i nostri nonni e bisnonni? 😉

Una cosa che sicuramente non amo sono quelle nervature della carne troppo dure da masticare… a me piace la carne che a furia di cuocere con le verdure, si sfibra e diventa tenerissima quindi ho scelto della carne mirata: biancostato,  reale di vitello e un pezzo di polpa di manzo….insomma, non magrissima,  ma neppure grondante grasso.

lesso2

Per prima cosa ho messo in una pentola capiente 2 cipolle, tre carote e due mezzi gambi di sedano e un pezzetto di zenzero fresco.

lesso1

Ho aggiunto poi la carne e un rametto di erbe aromatiche, tutto a freddo…. ci sono due schieramenti in merito: chi fa bollire prima le verdure e poi aggiunge la carne e chi invece mette tutto a freddo… per questa mia prima volta in solitaria ho scelto quest’ultima opzione.

Ho portato a bollore e poi ho coperto facendo cuocere lentamente per circa  ora e mezza.

lesso3

Man mano che in superficiesi formava la schiuma, l’ho tolta.

Insomma, non sarà  un lesso super eccelso e da grand gourmant ,  ma la carne tenera e le verdure bollite, accompagnate da una bella salsa verde, sono un ottimo piatto da gustare in una giornata tipicamente autunnale.

lesso4

lesso5

 

1 Comment
  • Erica
    novembre 14, 2016

    Grazie Elena per il tuo contributo. Molto interessante la parte relativa al collagene, ma da te me lo aspettavo visto gli studi che stai conducendo; i nonni sono troppo avanti. Con sto freddo oggi un piatto di minesta con il brodo buono ci vorrebbe proprio. Un abbraccio

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.