Il mio apple cinnamon pull-apart bread per il Club del 27

Ripartire di slancio, è questo il motto per il Club del 27 per questo mese… e io ho scelto di fare questo meraviglioso apple cinnamon pull-apart bread di Manuela Valentini, primo fra tutti perché adoro i panbrioche per colazione e poi mi sono innamorata della formatura e non potevo non replicarlo.

Dopo le festività occorre comunque ripartire e poi è iniziato un nuovo anno…insomma, le partenze sono tante e quindi cosa c’è di meglio che ripartire alla grande ogni mattina?

Qui trovate una selezione di ricette dove potrete scegliere la colazione che fa più al caso vostro, non potete trovare scuse. La colazione è forse il pasto più importante della giornata, e quindi occorre solo un minimo di organizzazione.

Dose per stampo plum-cake da 12x22cm

Impasto

  • 325 g di farina 00
  • 50 g di zucchero semolato
  • 10 g di lievito di birra fresco (100 g di li.co.li. rinfrescato)
  • ½ cucchiaino di sale
  • 62 g di latte intero
  • 60 g di burro
  • 3 uova grandi
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia

Farcitura

  • 50/55 g di zucchero di canna
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • ¼ cucchiaino di noce moscata
  • 60 g di burro
  • 1 Mela Golden Delicious
  • salsa al caramello e sale grosso

 

Per tutti i lievitati, più o meno complicato, io uso il li.co.li. che è il lievito madre in forma liquida. Una volta imparato a gestire, mi risulta molto più semplice utilizzarlo rispetto al lievito di birra, che oramai, per le mie abitudini, corre troppo veloce! Non c’è molta differenza, in entrambi i casi, occorre  ‘ascoltare’ l’impasto e vederlo per come lavora. E’ vero, i tempi di lievitazione cambiano, ma la notte è perfetta per questi tempi di attesa, gli impasti ringraziano per il riposo e il nostro stomaco anche 😉

In una grande ciotola (può essere quella dell’impastatore se lo avete, oppure una normale se impastate a mano) mescolate la farina, lo zucchero e il sale. Mettete il latte e il burro in una piccola casseruola dal fondo pesante e riscaldate a fiamma bassa per sciogliere il burro, appena sciolto, aggiungete la vaniglia e spegnete e fate intiepidire. Potete fare questa procedura anche nel microonde.

Quando il latte con il burro è tiepido aggiungetelo alla miscela di farina, insieme al lievito di birra o al li.co.li e cominciate a mescolare. Aggiungete poi, un uovo alla volta, fino a completo assorbimento. Impastate per circa 10 minuti fino ad ottenere un impasto liscio. Coprite la ciotola con pellicola e mettete in luogo tiepido a lievitare fino al raddoppio, circa 1 ora per il lievito di birra e dalle 4 alle 8 ore con il li.co.li. (questi ultimi tempi dipendono dalla forza del vostro lievito e dalla temperatura a cui lasciate l’impasto. Il meglio è lasciarlo a bassa temperatura, 8/10° per tutta la notte, cominciando a fare l’impasto alla sera).

Mentre l’impasto lievita preparate lo stampo rivestendolo con della carta forno, lasciandola abbondante sui lati lunghi. In una ciotola mescolate lo zucchero di canna, la cannella e la noce moscata. Sciogliete il burro e fatelo intiepidire.

Rovesciate l’impasto lievitato sulla spianatoia leggermente infarinata, sgonfiatelo leggermente con le mani e poi con il mattarello stendetelo delicatamente in un rettangolo di 30×45 cm.  Disponete l’impasto in modo che il lato lungo sia di fronte a voi, spennellate tutto l’impasto con il burro fuso e poi cospargetelo con la miscela di zucchero e cannella. Sbucciate e tagliate la mela a spicchi e poi a pezzi di circa 3 cm.

Tagliate la pasta trasversalmente in 6 strisce (5×45 cm). Cospargete la prima striscia con alcuni pezzetti di mela premendoli delicatamente nell’ impasto. Prendete una striscia di pasta e appoggiatela sulla prima, aggiungete le mele poi completate con un’altra striscia di pasta e proseguite così fino all’ultima striscia.

Tagliate la pila di 6 strati ottenuta in 6 parti uguali (7,5×5 cm). Prendete una pila d’impasto posizionatelo nello stampo su uno dei lati corti con i lati tagliati verso l’esterno, poi aggiungete su questo un’altra pila fino a riempire lo stampo con tutte le pile. Coprite e lasciate lievitare fino a che non vedrete le strisce di pasta in superficie ben lievitate.

Preriscaldate il forno a 180 °C. Cuocete il pane fino a doratura per 40- 45 minuti. Lasciate raffreddare nello stampo per 5 minuti, poi trasferire su una griglia e lasciate raffreddare ancora 10 minuti. Potete servirlo accompagnato con della salsa al caramello e se si desidera con del sale grosso.

La pasta brioche deve risultare bella filante allo strappo.

9 Comments
  • manu
    gennaio 27, 2020

    Un panbrioche meraviglioso ed estremante goloso e ti è venuto benissimo. Hai ragione la formatura è estremante particolare, io da quando l’ho scoperta in un libro nel 2009 tradotta con il nome di “pane a fisarmonica”, che secondo me rende di più l’idea, l’ho preparata moltissime volte e sempre molto apprezzata.
    Un curiosità pensa che è stato uno dei primi pani con lievito liquido che proprio da allora è sul blog
    Grazie per averlo provato <3

  • elena
    gennaio 27, 2020

    ma che bello!!! è magnifico, mi sembra di sentirne il profumo di cannella!!!

  • Daniela
    gennaio 27, 2020

    Sento il profumo di cannella e mele cotte fin qua ^_^
    Stupendo!

  • Sonia
    gennaio 28, 2020

    Lo metto in lista!!!wow

  • Ross
    gennaio 28, 2020

    Troppo bello da vedere, devo provare a farlo anch’io.

  • ipasticciditerry
    gennaio 28, 2020

    Elena una bontà, ti è venuto una favola! Si vede tutta la sofficità. Questo lo voglio per forza provare anch’io

  • Tritabiscotti
    gennaio 28, 2020

    Su questo ho messo il bollino “da fare”. Mi piace tantissimo l’effetto delle fette!

  • Anna Luisa e Fabio
    gennaio 28, 2020

    Bello sostanzioso ma soprattutto buonissimo! Anche noi abbiamo scelto di fare questo!

  • Tina
    gennaio 29, 2020

    Ricetta illustrata benissimo. Vien proprio voglia di rifarlo|

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.