I miei Nokedli per il Club del 27

Questo mese il Club del 27 ripropone alcune di ricette tratte dal libro Facciamo gli Gnocchi edito da MTChallenge. Se vi capita, prendetelo, perché è uno dei pochi libri dove tutte, ma proprio tutte le ricette, sono favolose. Alcune di queste sono particolarmente semplici e anche veloci. Una di queste sono proprio i Nokedli ungheresi proposti da Chiara Picoco del blog Chicche di Kika. Si perché non si deve pensare agli gnocchi come solo quelli con le patate, dove io, per esempio, sporco la cucina in maniera allucinante. Ci sono ricette facili e alla portata di tutti. Questi Nokedli mi sono piaciuti molto perché assomigliano molto agli Spaetzle altoatesini, che io adoro e farei tutti i giorni. A dir la verità li faccio spesso in minestra, perché basta un buon brodo di verdura e 5 minuti di tempo e viene un piatto speciale, corroborante.

I Nokedli hanno pochi ingredienti e si possono fare sia con l’apposito attrezzo oppure, come per gli spatzle, con asse e spatola come in questo video. In entrambi i casi sono veloci e di sicura riuscita.

Li ho voluti proporre con il classico Porkolt, uno stufato a base di carne e verdura, molto saporito, ma adattissimo a questo tipo di pasta.

Ingredienti per 2/4 persone

  • 250 g di farina debole
  • 2 uova
  • 160/180 ml acqua molto fredda
  • noce moscata
  • sale

Per il Porkolt (ricetta originale)

  • 2/3 cipolle (circa 400 g)
  • 1 carota
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 peperone rosso
  • 1 pomodoro sbucciato e privato dei semi
  • 500 g di polpa di vitello
  • 500 g di polpa di manzo
  • 500 di patate
  • brodo q.b.
  • sale e pepe q.b.
  • 1 cucchiaio di cumino pestato nel mortaio

La pasta la potete preparare all’ultimo momento perché è davvero velocissima.

Un maggiore impegno occorre metterlo per il condimento, non per la difficoltà, ma ha bisogno di una cottura prolungata. Io l’ho in parte semplificata perché avevo già della carne di manzo cotta dal giorno prima e dato che non sapevo come riutilizzarla mi è venuto in mente che potesse essere perfetta per questa ricetta essendo un reale di manzo cotto fino allo sfaldamento.

Quindi ho affettato finemente due cipolle rosse nel mio caso e le ho messe sul fuoco a stufare. Nel frattempo ho pelato la carota e fatta a dadini insieme al peperone rosso. Quando le cipolle sono risultate morbide, ho aggiunto le altre verdure insieme al pomodoro, ho coperto e fatto cuocere a fuoco lento per mezz’ora aggiungendo del brodo. Se dovete fare cuocere anche la carne, la aggiungete a questo punto della preparazione, insieme al cumino.  Non ho messo le patate in quanto mi sembrava quasi eccessivo. Nel caso le vogliate aggiungere comunque, vanno fatte cuocere fino a che non si disfano. Tornando alla mia versione semplificata: quando le verdure sono risultate ben stufate, ho aggiunto la carne a tocchetti insieme a due cucchiai di fondo di cottura della stessa  che avevo conservato, e ho fatto insaporire il tutto per circa 10 minuti.

Per la pasta, in una ciotola setacciate la farina, aggiungete il sale e le uova leggermente sbattute e cominciate a mescolare. Poco alla volta aggiungete l’acqua. Può essere che non occorra tutta, dovete ottenere una pastella abbastanza consistente. Vi metto la foto della mia perché, secondo la mia esperienza, è venuta un pochino molle (con 160 ml di acqua) e quindi i gnocchetti hanno rischiato di attaccarsi in cottura. Comunque, non fate come me, fatene cuocere un po’ alla volta, quando vengono a galla, raccoglieteli con un colino e fateli raffreddare in acqua fredda in modo che non si raggrumino.

Io avevo un pochino fretta perché stavo già facendo altre cose in casa e mio marito voleva il pranzo, quindi li ho fatti tutti insieme e una volta scolati li ho conditi con un filo d’olio. Li ho serviti con abbondante Porkolt…più di quello che si vede in foto, ma l’estetica ha le sue esigenze 😉

 

 

4 Comments
  • ipasticciditerry
    aprile 28, 2020

    Ma che buoni!! Questi non li avevo neanche visti. Bravissima Elena

  • monica
    aprile 28, 2020

    Buoni!!!

  • Tina
    maggio 2, 2020

    Non li conoscevo ma.mi.hai convinto.

  • elena
    maggio 16, 2020

    Quel sughetto ricco e saporito è da svenimento…ottimi questi gnocchetti!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.