Brioches col tuppo con lievito madre

Iniziare la giornata con una buona brioche è la colazione più  appagante, se poi ce le siamo fatte da sole e sono con farine buone e con lievito naturale,  non potremmo proprio chiedere di meglio.

Le brioches col tuppo sono tipiche siciliane. Le nobili dame del passato avevano l’abitudine di raccogliere i lunghi capelli in uno chignon tondo e perfetto,  il tuppo per l’appunto …e da qui, si presume, derivi il nome di queste delizie.

In Sicilia si gustano sia per colazione che per merenda con gelato o la classica granita, io per festeggiare la Giornata Nazionale dedicata a queste prelibatezze,  promossa dal Calendario del Cibo Italiano di AIFB, di cui Alessandra Gabrielli è ambasciatrice, le ho volute provare a fare con il mio lievito e le farine che normalmente uso.

Calendario del cibo italiano

Avevo molti timori in merito, invece il risultato è  stato meraviglioso….soffici e gustose anche lisce e senza lo sciroppo di finitura… nooooo,  non ho voluto fare una cosa ‘dietetica’ … ma come al solito seguire una ricetta alla lettera, per me, è  praticamente  impossibile 😉

Ingrediente  per circa 8 brioches:

  • 300 g di farina Manitoba della linea Qb di Mulino Grasei multicereali,  con riso, avena, orzo e segale
  • 200 g di farina tipo 1
  • 250 g latte a temperatura ambiente
  • 120 g burro ammorbidito
  • 1 uovo a temperatura  ambiente
  • 1 cucchiaino di malto
  • 1 cucchiaio di acqua d’arancia
  • 1 cucchiaino di Sale
  • 100 g di zucchero semolato
  • 150 g di lievito madre rinfrescato almeno la sera prima

Ho messo nella planetaria il latte e il lievito e ho cominciato alla velocità  più  bassa. Ho poi aggiunto tutti gli altri ingredienti e ho fatto lavorare a velocità media fino ad ottenere un impasto liscio al tatto, morbido, ma non appiccicoso.

Ho riposto in una ciotola, coperta con la pellicola , e ho lasciato lievitare tutta la notte a temperatura ambiente di circa 20°.

Messo  l’impasto su una spianatoia leggermente infarinata, ho fatto 2 giri di pieghe, lasciando lievitare per almeno mezz’ora tra l’una e l’altra.

tuppo1

Ho suddiviso l’impasto in 8 palline grandi e 8 più  piccole. Il sistema è  semplice, basta che suddividere in 8 parti uguali l’impasto e poi suddividere ogni parte in due palline proporzionate in modo da dargli la classica forma. Ho distribuito sulle leccarda del forno ben distanziate e ho lasciato lievitare per altre 2 ore. tuppo2

Ho sbattuto un uovo con un poco di latte e ho spennellato la superficie.

tuppo3

Apparentemente non sembravano molto lievitate dopo la formazione delle brioches, ma in forno caldo a 180° per circa 20  in, sono diventate uno splendore.  Non so se per l’acqua d’arancia o per le farine, comunque sono venute deliziose.

tuppo4

Io le ho gustate con una marmellata di sambuco,  ma erano ottime anche lisce. Le devo sicuramente rifare perché  danno un sacco di soddisfazione

tuppo6

 

4 Comments
  • Antonella
    luglio 9, 2016

    Meravigliose! Non mi ci sono mai cimentata perchè pensavo fosse complicato. Gli ingredienti li ho tutti. Manca “solo” la voglia di riprendere in mano la voglia di cucinare e accendere il forno ….e con questo caldo torrido mi manca proprio….Complimentissimi per i tuoi capolavori “tupposi”.

    • Elena
      luglio 13, 2016

      Anto… li devo rifare… immagina… una bella colazione …al freschino… eh?! ahahahah

  • alessandra
    luglio 13, 2016

    Elena, arrivo in ritardo come sempre ma alla fine arrivo! Grazie per aver contribuito a questa giornata con queste brioches fantastiche e soprattutto per aver utilizzato la pasta madre! Appena avrò un tantino di dimestichezza in più con “l’essere bollicioso” proverò a farle anche io!

    • Elena
      luglio 13, 2016

      Ciao Alessandra… grazie 🙂 anch’io le devo assolutamente rifare.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.