Trecce al saraceno e noci #56 MTChallenge

Eccomi qua, con la terza e ultima proposta per la sfida di questo mese dell’MTChallenge.

mtc 56

Dani e Juri del blog Acqua e Menta  ….ne avete di ricette da leggere eh? E sapete cos’è  il bello? Che non finiremo maiiiii … anche quando la gara sarà  finita, noi continueremo a far biscotti.

Ma quante ricette splendide sono state pubblicate…. alcune veramente incredibili, da manuale. Ogni foto pubblicata mi dico: questi li devo rifare… il punto è  che dovrei vivere per fare biscotti 🙂

Non so se con questa ricetta andrò  in gara, ma sapete che uso poco il burro, quindi se posso evitarlo, lo faccio. Tra le frolle proposte mi mancava la sablè. .. e io la propongo in versione vegetariana….senza burro… e in versione un po’ montanara con grano saraceno e noci.

Concettualmente la sablè  varia dalla frolla classica per l’ordine differente di aggregazione degli ingredienti. Per darle questa sua friabilita’ che la caratterizza, occorre miscelare la farina con la materia grassa, e sabbiarla, prima di unire qualsiasi altro ingrediente. Praticamente occorre che la farina crei come una pellicola intorno a burro o olio, in modo che gli altri ingredienti umidi, una volta aggiunti, non sviluppino glutine nella farina rendendo colloso poi l’impasto.

Ingredienti per circa 30 treccine di 8 cm di lunghezza:

  • 250 g di farina di grano saraceno fine
  • 250 g di farina 0
  • 150 ml di olio di girasole o di riso
  • 200 g di zucchero di canna
  • 5 g di lievito per dolci
  • 2 uova
  • Scorza grattugiata di un limone
  • Essenza di vaniglia
  • 10 noci
  • Acqua q.b.

Occorre prima di tutto miscelare le farine in una ciotola e mescolare bene. Aggiungere l’olio e cominciare a lavorare bene in modo da creare un composto sabbioso e omogeneo.

compo1

Aggiungere poi lo zucchero, il lievito, la scorza di limone e le noci spezzettate grossolanamente e mescolare bene fino ad ottenere un composto omogeneo. Se occorre, potete aggiungere un poco di acqua o di latte vegetale.

compo2

Lasciare riposare un paio di ore per poi procedere con la creazione di rotolini lunghi circa 30 cm con uno spessore di mezzo cm circa. Createne tre alla volta e intrecciateli tra di loro.

compo3

Tagliate in 4 piccoli tronchetti e distribuite sulla placca del forno rivestita.

Cuocete in forno caldo a 160° per 45 min circa.

Lasciate raffreddare prima di spostarli per non correre il rischio di romperli.

foto1

Adesso direte: basta biscotti! Noooooooo…. ormai non ci si può  più  fermare.

7 Comments
  • Lidia - thespicynote
    Aprile 24, 2016

    mi piacciono molto i biscotti dalla consistenza rustica e questi profumano del sapore dolciastro del saraceno e burroso delle noci. Belli, mi piacciono molto molto!
    Un abbraccio, Lidia

  • Juri
    Aprile 24, 2016

    Bellissime trecce, molto rustiche. Il grano saraceno dona un gusto molto caratteristico che si accompagna bene alle noci.mben fatto!

  • Paola
    Aprile 27, 2016

    Ma sai che ci avevo pensato anche io alla sablè all’olio? Avessi avuto tempo di sperimentare, le avrei fatte, ma chissà che non ci riesca uno di questi giorni. Per ora le ammiro solo e ne pregusto il sapore, che ha tutti gli ingredienti che adoro.

  • lagaiaceliaca
    Aprile 29, 2016

    sai che sono ganzissimi, queste treccione così rustiche, con il mio amato saraceno che conferisce quel sapore inconfondibile che adoro. e poi con le noci, un’altra delle mie passioni.
    bravissima, questi te li copio di sicuro!!!!

    • Elena
      Aprile 29, 2016

      Grazieeee… ti seguo fa anni 🙂 secondo me vengono buonissimi anche con grano saraceno e riso… forse anche meglio … ci proverò.

  • alessandra
    Aprile 30, 2016

    E vai coi complimenti anche per questa terza proposta (a giudizio personale, quella che preferisco, delle tre) e per la partecipazione alla gara:ti stai ritagliando uno spazio “riconoscibile”, con proposte che veicolano una scelta ben determinata, in una strada che percorri con sempre più convinzione e disinvoltura. Continua così, perchè è davvero quella giusta. Brava!

    • Elena
      Aprile 30, 2016

      Ale, grazie… tra i tre tipi di biscotti fatti, sono quelli che ho preferito anche io… e non vedo l’ora di avere tempo x rifarli… 🙂 poi a 2000 mt di quota sono giustificati tutto l’anno … ahahahah…

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.