IL PRANZO DELLA DOMENICA

0 No tags

La domenica, fino a un po’ di tempo fa, era la giornata dove si mangiavano cose speciali…fuori dalla quotidianità… ci si alzava la mattina e ci si cimentava in preparazioni lunghe e laboriose.

Ogni tanto, quando decido di non mettere il naso fuori di casa,  io lo faccio ancora, come oggi.

Un po’ mi serve per arricchire il mio bagaglio culinario, sperimentando… un po’ perché amo la buona cucina…insomma: oggi ho fatto i ravioli.

Questa non è una cosa semplice da tutti i giorni…e tanto meno forse è adatta ai più inesperti, ma può essere invece divertente farlo in compagnia…tra amici…in famiglia…

Questa ricetta si divide in tre preparazioni differenti: la pasta all’uovo (di cui vi ho già parlato nella ricetta delle lasagne agli asparagi e quindi ve l’allegherò tale e quale), il ripieno, la creazione dei ravioli.

 

Occorre oltre agli ingredienti: una macchinetta tira pasta oppure asse di legno e matterello, un raviolatore o, se li fate un po’ più grandi, una rotella zigrinata che via aiuta a tagliare e sigillare contemporaneamente  la pasta. Il raviolatore non è altro che una specie di stampo rettangolare, diviso a quadrati zigrinati che vi da l’opportunità di fare ravioli tutti grandi uguali… io non lo uso mai.. mi piace essere più creativa…  😛

 

Il ripieno. Io l’ho fatto ricco, ma diciamo che si può fare con qualsiasi cosa abbiate in casa.

In questo caso io l’ho fatto di carne con i seguenti ingredienti:

  • 300 g bistecca di manzo tenero
  • 150 g di salsiccia di pollo
  • 300 g di zucca
  • 50 g di mortadella
  • 1 uovo
  • Pan grattato quanto basta (fatto con del pane secco o usate quello già grattato)
  • Prezzemolo
  • Spezie a piacere

Mettete a bollire la zucca. Se cotta nella pentola a pressione, bastano 5 minuti. Deve essere comunque ben cotta, ne dovete ottenere una sorta di purea. Aggiustatela di sale e fate intiepidire.

Nel frattempo cocete la carne e la salsiccia pelata, anche insieme. La salsiccia essendo di pollo non necessita la sgrassatura. Basta mettere un goccio d’olio sul fondo della padella e fare cuore bene entrambe. Irrorate con un mezze bicchiere di vino bianco per aiutare la cottura.

Nel mixer tritate il pane secco, il prezzemolo, la mortadella e la carne e le spezie.

Il composto così ottenuto, abbastanza a briciole asciutte, va versato in una terrina dove aggiungerete la purea di zucca, l’uovo intero e aggiusterete con altro pane grattugiato se dovesse risultare troppo molle.

Per la pasta, questa volta, non vi darò la quantità, anche perchè se ne farete in abbondanza, i ravioli possono essere tenuti in frigorifero per un paio di giorni o surgelati:

  • farina bianca
  • uova intere
  • olio extra vergine (per darvi una proporzione: per 400 g di farina 2 cucchiai d’olio)

la regola è: per ogni 100 g di farina ci vuole 1 uovo intero

Su una spianatoia (o, per iniziare, in una terrina) setacciate la farina formando un foro al centro dove romperete le uova e verserete l’olio. Lavorate l’impasto finché non otterrete un impasto liscio e vellutato al tatto.  Se dovesse essere troppo appiccicoso aggiungete poca farina alla volta mentre lavorate l’impasto sulla spianatoia.

Lasciate riposare la palla di pasta così ottenuta avvolta in uno strofinaccio di cotone per una mezz’ora. Poi cominciate a stenderla. Stendetene una striscia alla volta in modo che non si secchi.

A questo punto avete tutto l’occorrente per fare i ravioli.

Presa la striscia di pasta cominciate a distribuire il ripieno con l’aiuto di due cucchiaini da caffè, essendo morbido si attaccherebbe alle dita  (se fatta con la macchinetta sarà della larghezza giusta o per il raviolatore oppure, se li farete un po’ più grossi, come li faccio io, basta piegarla su se stessa per il lungo).

A questo punto chiudete bene i due strati di pasta che chiudono il ripieno e se usate il raviolatore premete con decisione sulle parti zigrinate in modo da aiutare il taglio della pasta, oppure usate la rotella. Distribuite su un piano infarinato cercando di non sovrapporli perché la pasta all’uovo è umida e potrebbero attaccarsi e successivamente rompersi. Comunque basta poca attenzione e tutte queste cose non succedono 😛

Ecco ottenuti dei buonissimi ravioli che potrete fare cuocere in abbondante acqua bollente salata e condire a piacere.

Quando il ripieno è così gustoso, basta un po’ di olio insaporito con delle spezie, oppure del classico burro e salvia.

Non ci sono ancora commenti.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.