FAGOTTINI DI PASTA DI PANE E PATATE RIPIENI

0 No tags

Leggendo un simpatico romanzo uscito recentemente, ho scoperto che, quando si fa la pasta per la pizza, si può sostituire parte della farina con delle patate lessate.

Rende l’impasto morbido e saporito e, se devo essere sincera, sembra anche un pochino più leggero.

Appena ho potuto l’ho sperimentato e ho fatto dei fagottini squisiti. Io li ho riempiti con polpa di zucca e porri, ma come al solito, ognuno si puo’ sbizzarrire.

 

Ingredienti:

350 g di farina bianca 00

150 g di patate lessate

1 cubetto di lievito di birra

2 bicchieri di latte o acqua

Un cucchiaino di zucchero semolato

2 cucchiai d’olio extra vergine d’oliva

Farina bianca per non fare attaccare l’impasto durante la lavorazione, né alle mani né al piano di lavoro.

Ripieno: quello che più vi gusta!

Occorre: una terrina capiente (circa 25 cm…un’insalatiera per intenderci), un piano dove impastate e tirare la pasta, un matterello e il forno caldo a 200°

In un piccolo pentolino fate intiepidire il latte o l’acqua e fate sciogliere il lievito con il cucchiaino di zucchero. Coprite con un tovagliolo (anche di carta e lasciate agire per circa 15/20 min). Vedrete che si è formata come una specie di schiuma: è il lievito che agisce, ma in questo modo non lascia quel sapore di lievito di sottofondo che capita spesso facendo l’impasto fatto in casa e che non è per nulla gradevole.

Versate il lievito sciolto nella terrina aggiungete un po’ di farina quanto basta a fare una pastella consistente, né troppo liquida, né troppo densa. Coprite con della pellicola e lasciate riposare per circa 20/30 minuti. Fate attenzione che questo primo impasto lievita molto, quindi vi ho dato i tempi, ma diciamo che quando avrà riempito la terrina e sarà molto spumoso è pronto per essere integrato con il resto degli ingredienti.

Aggiungete le patate schiacciate e il resto della farina. A questo punto trasferite l’impasto su piano infarinato e lavorate energicamente. Quando avrete ottenuto una palla bella soda, ma elastica e liscia, riponetela nella terrina opportunamente unta con un filo d’olio, fate un incisione a croce, coprite e fate lievitare almeno fino al raddoppio del volume. Ungere la terrina aiuta a non far formare una crosticina in superficie se l’ambiente è molto asciutto e, in questo caso, a rendere meno appiccicoso l’impasto. Le patate possono creare questo ‘effetto gnocco’ chiamiamolo così e questo è un truchhetto per evitare di aggiungere troppa farina che renderebbe l’impasto troppo duro.

Fate attenzione che l’ambiente dove tenete l’impasto deve essere caldo e privo correnti d’aria.

Una volta che l’impasto sarà almeno raddoppiato, lo lavorate ancora per un paio di minuti e cominciate a stenderlo. Sta a voi decidere se fare pizzette, fagottini o magnifiche teglie di focaccia o pizza gustosa e morbida.

Io ho fatto dei fagottini ripieni di polpa di zucca fatta opportunamente asciugare in una pentola con dell’olio e delle spezie dopo averla bollita e di porri che avevo precedentemente sbollentato e fatto saltare in padella con un filo d’olio. La dolcezza della zucca sposa perfettamente la sapidità del porro.

Ho steso l’impasto e tagliato a riquadri di circa 5/6 cm di lato. Li ho riempiti con le verdure e chiusi su se stessi.

Quando fate i fagottini premete bene i bordi , anche con l’aiuto di una forchetta in modo che durante la cottura non si aprono e non perdono il loro contenuto. Distribuite i fagottini sulla teglia del forno rivestita con un foglio di carta oleata e spennellate con dell’olio. Infornate e quando saranno dorati saranno pronti per essere gustati. Vi assicuro che è stato un esperimento molto gradito.

Soprattutto se come me vi portate il pranzo da casa durante la settimana, questa è un ottima variante: pratica da trasportare e sfiziosa.

Non ci sono ancora commenti.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.