SCONES CON LIEVITO MADRE

E’ il periodo delle ricette mai fatte, ma sempre volute fare, quella degli scones è proprio una di queste. E’ almeno da quando sono andata in Irlanda che li voglio fare, poi una volta non c’è nessuno che li assaggia e quindi cosa li preparo a fare? Un’altra volta sono in trasloco… un’altra ancora non ho voglia…. oh insomma, sarà che qua già inizia a fare freschino, sta di fatto che il momento è giunto.

Ma cosa sono? sono delle focaccine piccole e rotonde, di origine scozzese e che poi hanno fatto impazzire tutti gli inglesi…morbide dentro e croccanti fuori, come quasi tutto il pane dei paesi anglofoni, ideali per il te delle cinque oppure per una colazione speciale o anche per un antipasto un po’ sostanzioso, insomma direi che sono un jolly perfetto per qualsiasi occasione.

Naturalmente con le mie varianti: io non ho lievito istantaneo per  salati e nemmeno lievito di birra, né tanto meno baking soda o cremor tartaro… ho solo lievito per dolci e la mia pasta madre. Volendoli fare più salati che dolci, che poi alla fine sono neutri, ho optato per l’utilizzo del lievito madre e naturalmente senza burro, ma questo solo perché non avevo voglia di scendere in cantina a prenderlo ..ed ecco qui la ricetta per 10 scones.

  • 230 g di farina tipo 1
  • 40 g di olio extra vergine d’oliva delicato
  • 10 g di zucchero semolato
  • 1 pizzico abbondante di sale al rosmarino
  • 100 ml di latte di riso + un poco per lucidare
  • 60 g di lievito madre tipo licoli

In una ciotola mettete la farina a cui vanno aggiunti sale e zucchero. Mescolare bene in modo da distribuire il tutto e aggiungere poi l’olio e mescolare ancora. aggiungere il lievito madre e il latte poco per volta. Quando cominciate a vedere che l’impasto è lavorabile a mano, trasferitelo su un piano di lavoro e lavoratelo finché non diventa omogeneo. Rimettetelo nella ciotola, copritelo con della pellicola e fate lievitare almeno 8 ore.

scones1

Stendete poi l’impasto ad uno spessore di 5/6 mm e con un bicchiere o un coppapasta tondo ci circa 5 cm di diametro fare tanti cerchietti per poi reimpastare i ritagli. Andare avanti così fino ad esaurimento della pasta…l’ultimo naturalmente verrà meno regolare!

scones2

scones3

Fare lievitare ancora per circa 8 ore (io li ho lasciati tutta la notte e li ho infornati il mattino dopo), spennellarli con un poco di latte e mettere in forno a 180° finché non saranno ben dorati in superficie. Farli poi raffreddare su una gratella appena tolti dal forno.

Come gustarli? Beh, io li avrei preferiti con un buon crudo appena affettato, ma la domenica mattina noooo… vada per una buona marmellata di prugne home made con poco zucchero e una fettina di scimudin (formaggio tipico valtellinese)…che dire: la Scozia italianizzata ti fa fare colazioni da re… 😉

scones6

Sono buonissimi e a parte la lievitazione con lievito naturale che ruba un po’ di tempo, sono facili e veloci. Li dovrò fare più spesso, magari anche con il cremor tartaro. Io li ho adorati anche lisci…troppo buoni!

scones5

 

2 Comments
  • mgponz
    settembre 21, 2017

    Ciao! ho trovato il tuo blog molto interessante. mi ha incuriosito la ricetta dei scones, ma ho una domanda: per lievito madre tipo licoli intendi pasta madre? Cioè ,rimanendo sulla ricetta, 60 gr di pasta madre. chiedo questo perchè esiste anche un lievito madre secco e 60 gr mi sembrano tanti. inoltre nella lievitazione delle 8 ore non fai nessun reimpasto? grazie

    • Elena
      settembre 21, 2017

      Ciao, il Li.Co.Li (lievito madre in coltura liquida) è una pasta madre in forma semiliquida. Il lievito secco, anche se c’è scritto di pasta madre, di solito è sempre miscelato con lievito di birra. Comunque nel caso tu l’utilizzassi ne bastano pochissimi grammi, anche meno di 10 a volte. Puoi fare un primo impasto (lievitino) sciogliendo il lievito secco in un bicchiere di acqua con un cucchiaio di farina, al raddoppio lo usi come lievito madre.
      Nelle 8 ore di riposo non tocco mai l’impasto. Se vuoi dare forza puoi fare delle pieghe prima di metterlo a riposo in frigo, poi non lo tocchi più fino alla formatura.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *