RAVIOLI AL RADICCHIO E ALTRE VERDURE CON CREMA DI BASILICO E MANDORLE

0 No tags

Lo sapete che quando mi devo rilassare mi piace cucinare…. E diciamo che in questo periodo potrei cucinare 24 su 24… a buon intenditor…

Il mio Amoruccio è venuto a passare il w.e. in brianza e quindi ho pensato di fargli i ravioli freschi.

Essendo uno attento a ciò che ingerisce il ripieno è stato fatto con sole verdure: radicchio rosso di Chioggia, melanzane, zucchine e carote.

Fare i ravioli è sempre un lavoro lungo, ma che soddisfazione poi godersene un bel piatto!

Per la pasta (per un bel po’ di ravioli…. Più del triplo son stati surgelati…):

  • 250 g di farina bianca
  • 250 g di farina di grano duro
  • Acqua
  • 1 cucchiaio d’olio extra vergine d’oliva
  • Un pizzico di sale

Per il ripieno:

  • una pianta non molto grossa di radicchio rosso di Chioggia
  • 4 carote
  • ½ melanzana
  • 1 zucchina
  • 1 uovo
  • Pan grattato quanto basta

Per la salsa:

  • Basilico
  • Mandorle
  • Olio extra vergine
  • Sale q.b.

Mescolate le farine, aggiungetevi il pizzico di sale, l’olio e acqua quanto basta. Lavorate energeticamente finché non otterrete una pasta soda ed elastica che non si appiccica alle mani. Copritela con uno strofinaccio e mettetela in frigo a riposare per circa ½ ora.

Nel frattempo, preparate il ripieno. Le melanzane e le zucchine io le avevo già cotte, e nulla Vi vieta di utilizzare altra verdura che avete magari avanzato dal giorno prima. Se non avete proprio nulla di già pronto, melanzana e zucchina vanno lavate, mondate, tagliate a tocchetti e fatte saltare in padella, senza aggiungervi acqua, ma fruttando la loro acqua vegetativa per la cottura. Le carote invece, le lavate, pelate e grattuggiate finemente, ma a crudo, così come il radicchio. Una volta che tutte le verdure saranno tritate (otterrete un composto di un colore abbastanza scuro (tra il radicchio e la buccia della melanzana…), ma molto saporito, aggiungetevi l’uovo e il pan grattato. Il composto deve stare insieme, ma non essere asciutto. Aggiustate di sale e se Vi piacciono aggiungetevi delle spezie. Fate attenzione a non esagerare con queste ultime perché la melanzana è già un po’ ‘pizzicosa’ di suo, soprattutto se nostrana.

Tirate fuori la pasta dal frigo e con l’aiuto di una ‘nonna papera’ oppure di un mattarello per i più volenterosi, tirate la pasta a strisce non molto sottili. Essendo il ripieno umido, la sfoglia troppo sottile potrebbe rischiare di rompersi in cottura. Ponete a pari distanza delle palline di ripeno. Ripiegate la sfoglia e con l’aiuto di una rotella tagliate i ravioli i modo che i bordi rimangano ben chiusi. Spolverate il piano di lavoro con della farina e adagiatevi sopra i ravioli, pronti da esser gustati quando ne avete voglia. Per surgelare quelli che avanzano, basta metterli su dei piatti di carta in modo che non si sovrappongano l’uno con l’altro e metterli in piano in freezer. Una volta ben surgelati potete trasferirli in sacchetti per alimenti e conservali per la prossima occasione.

Per la salsa, basta che tritate molto finemente le foglie pulite del basilico, qualche mandorla, un pizzico di sale e d emulsionate il tutto con l’olio. A me è venuta densa perché di olio ne ho usato poco, ma se usate questa salsa, potete anche diluirla con un poco di acqua di cottura della pasta.

 

Non ci sono ancora commenti.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.